Le radiazioni: il trasferimento di energia nello spazio

Il concetto di radiazione va individuato a monte del suo impiego nella comunicazione radio. Per farlo, dobbiamo scomodare i principi della fisica i quali ci dicono che una radiazione consiste nel trasferimento di una data quantità di energia nello spazio. Perché, non lo dimentichiamo, ciò che noi consideriamo come un’informazione trasmessa via radio è, innanzitutto, energia.

Come avviene la trasmissione delle informazioni

Sopra si introduceva il termine “irradiare”, a proposito delle antenne. Il concetto è proprio il medesimo. Ci stiamo comunque muovendo all’interno della comune matrice data dal termine latino radius. Quindi, possiamo dire che le antenne radio funzionano proprio in virtù dell’energia trasmessa, consistente nelle radiazioni. In questo caso si tratta di radiazioni elettromagnetiche che hanno il compito di veicolare delle informazioni. Si avrà quindi un soggetto che intende comunicare dei suoni, ad esempio, e che per farlo utilizzerà un’antenna trasmittente. I suoni verranno quindi “trasformati” in radiazioni elettromagnetiche e veicolati per mezzo dell’antenna. Il destinatario della comunicazione sarà dotato a sua volta di un’antenna, che definiamo ricevente. Il ricevitore decodificherà le radiazioni e, per mezzo di un amplificatore, permetterà al destinatario di ascoltare i suoni veicolati. Trasmittente e ricevente possono scambiare informazioni soltanto se allineati sulla stessa frequenza e sulla stessa modulazione. Quando ascoltiamo la radio, possiamo farlo perché disponiamo di un dispositivo in grado di sintonizzarsi su specifici megahertz in modulazione di frequenza. Un gesto che compiamo ormai in piena naturalezza ma che porta con se decenni di scienza applicata alle comunicazioni e, di conseguenza, alla nostra vita quotidiana.

Immagine: pixabay.com – Onde Radio
Similar Posts:

Tags: , ,